Sciacca Carnevale anni 50

Carnevale anni 50

Sciacca - Guida di Sciacca

Arte - Cultura - Storia - Mare - Turismo - Vacanza

Sciacca Carnevale anni 50

Sciacca   Sciacca
 
Sciacca Carnevale anni 50

...terra di mare...terra d'amare...


Carnevale anni 50

Gli anni 50 hanno segnato una svolta decisiva nel carnevale di Sciacca. Dopo gli anni bui della guerra, il senatore Giuseppe Molinari, volendo dare un nuovo volto alla manifestazione, ha avuto l’idea di creare una maschera simbolo che rappresentasse la festa saccense decidendo di scegliere, tra le varie maschere tradizionali italiane, quella di Beppe Nappa (Peppe Nappa per i Saccensi). Da quel giorno il corteo mascherato è stato così aperto da questa figura, assurto a tipica maschera locale, preceduto da un vecchio asino con una grossa chiave a tracolla, simbolo dell’apertura del carnevale di Sciacca. Il carro che ha suscitato scalpore, in quel periodo, è stato “Monteciborio cusi e scusi”, nota con la denominazione di “lu scecu”: l’allegoria di questo carro era un condensato di satira pungente, al limite della censura, nei confronti della vita politica; l’inno composto in versi da Emilio Paladini e musicato dal maestro Giuseppe La Rosa. Sono stati questi gli anni in cui i copioni recitativi hanno assunto un aspetto marcatamente cabarettistico.

Avviso: Le Terme risultano chiuse

CARBURANTI a Sciacca, i prezzi piu' convenienti!
Potete trovarli in app 'A Sciacca' sezione SHOPPING
Scarica l'app A Sciacca e avrai nel telefonino la citta'!

 

Sciacca

 

Sciacca

Sciacca   Sciacca
 
Sciacca

...terra di mare...terra d'amare...


Consigliati


 

Sciacca

 

Lampedusa

Sciacca   Sciacca
 
Sciacca




 

Sciacca

 

Sciacca


Guida di Sciacca

 

Guida di Sciacca - Copyright © 2000 - Tutti i diritti riservati. Aggiornato il: